IL RUOLO DELLA COOPERATIVA DI COMUNITÀ

cooperative-576x262

In un momento in cui le leve tradizionali in mano allo Stato e al Mercato generalmente usate per attivare nuovi percorsi di sviluppo non funzionano più e in molti casi non sono più attivabili è indispensabile ri-attivare il ruolo della società e della comunità.

Il tema della rigenerazione urbana e dello sviluppo locale è un banco di prova importante che richiede oggi governance multistakeholder e che postula meccanismi di co-produzione da parte dei soggetti che se ne fanno carico.

In questo, le nuove forme cooperative come quella della cooperativa di comunità giocano un ruolo decisivo all’interno del nostro sistema economico.

[…]

Non esiste una impresa di comunità se non è la comunità stessa che investe in se stessa, se non sono i cittadini che si fanno carico direttamente di rispondere ad una domanda o sviluppare un’opportunità per tutti.

[…]

Le città che investiranno su queste politiche “abilitanti” (ossia eco-sistemiche) saranno quelle capaci di costruire una più solida democrazia economica e una maggiore capacità di generare Ben-essere.

leggi tutto il post (di Battistoni e Venturi su http://www.che-fare.com)

LA CITTÀ RESILIENTE

Strategie e azioni di resilienza urbana in Italia e nel mondo

copresilienza-600x986

Esce in questi giorni nelle librerie “La città resiliente – Strategie e azioni di resilienza urbana in Italia e nel mondo“, di Pietro Mezzi e Piero Pelizzaro, edito da Altraeconomia.

Mezzi è architetto, giornalista, ricercatore e consulente nei settori dell’ambiente e delle costruzioni. Pelizzaro è esperto di resilienza e di politiche di adattamento ai cambiamenti climatici.

Partendo dall’assunto che il clima è cambiato e che il pianeta è in pericolo, secondo gli autori la sfida è città per città, in forma di resilienza.

“La resilienza è, in breve, l’arte di adattarsi ai cambiamenti, trasformando così le incertezze in occasioni e i rischi in innovazione. I cambiamenti climatici mettono oggi alla prova le città con “eventi estremi”: uragani, inondazioni, isole di calore. La “crisi” non dà tregua e ne fanno le spese l’economia, l’ambiente, la salute, il “capitale umano”.”

Analizzando esempi rilevati a Barcellona, Rotterdam, Copenhagen, Malmö, New York, Boston, New Orleans, Norfolk, Milano, Roma, Bologna e Venezia, il libro raccoglie quindi esempi di progetti avanzati di climate adaptation e di rigenerazione urbana, che comprendono la mobilità, i nuovi modelli produttivi, la socialità e la sharing economy.

leggi la scheda (di Altraeconomia) o la recensione (di politicamentecorretto.com)

PROGETTO DI CROWDFUNDING PER PIANTARE NUOVI ALBERI IN CITTÀ

3-5-16_radici_teaser_modros-23

Chi vive a Bologna è invitato a mettere radici!

Questa volta non si tratta di prendere casa o metter su famiglia, ma di contribuire a rivitalizzare spazi vivi e silenziosi quali sono i parchi e i giardini della città.

Le aree verdi sono una risorsa per tutti, sono aree di condivisione e di incontro, punti di riferimento per le attività più disparate di gruppi e associazioni.
Sono insomma un vero e proprio bene comune da vivere e curare come il giardino di casa tua.

Molti cittadini e associazioni stanno già collaborando quotidianamente con il Comune, prendendosi cura di parchi e giardini, ma per tenere insieme questi luoghi di socialità è necessario mettere radici.

Pero limone, fico, ciliegio, nocciolo, noce, albero di Giuda, catalpa, salice piangente, tulipifero, calicanto. Questi nuovi alberi potranno essere piantati, ognuno in un parco diverso della città, grazie al tuo contributo.

Se anche tu vivi quotidianamente il verde cittadino, puoi partecipare alla campagna di crowdfunding radici, basta poco.

leggi tutto

oRtISCIO’ – l’orto a due ruote

foto-1-2

Con oRtISCIO’ a Bologna l’agricoltura sociale … mette le ruote!

Cinque cassoni e un cargo bike realizzati in autocostruzione da personale svantaggiato della cooperativa ETA BETA portano le pratiche agro-ecologiche più avanzate dentro i servizi socio-assistenziali della cooperativa CADIAI a vantaggio di persone disabili che normalmente non possono usufruirne. Con la collaborazione del Centro Ricerche e Studi in Agricoltura Urbana e Biodiversità dell’Università di Bologna, persone disabili, famiglie, educatori e tutta la cittadinanza saranno accompagnati nella riscoperta del valore della terra e dei suoi prodotti, attraverso un percorso di formazione che insegna ad averne cura. Orto della biodiversità, delle farfalle, delle aromatiche, sinergico in paglia e delle piante fito-alimurgiche: 5 tipologie di orto per far conoscere e sperimentare i benefici dell’attività orticola sulla salute e sulla qualità della vita. Si realizza così un nuovo modello di agricoltura sociale: diffuso, flessibile, inclusivo.

oRtISCIO’ è un orto in risciò … più sostenibile di così!

leggi tutto

Comunità Energetica alla Settimana della Sostenibilità !

Comunità Energetica

Free Mobile3Nell’ambito della settimana della sostenibilità (link) organizzata dal Comune di San Lazzaro di Savena, durante l’iniziativa “m’illumino di meno“, Venerdì 13 Febbraio dalle 18.30in Piazza Bracci si spegnerà l’illuminazione del Palazzo Comunale e si accenderà la F.R.E.E. Mobile, un furgoncino elettrico totalmente a energia rinnovabile da cui usciranno giochi e invenzioni rinnovabili di tutti i tipi…

Durante l’iniziativa sarà possibile informarsi e preaderire al nuovo progetto dell’Associazione.

F.R.E.E. Free Renewable Easy Energy

Laboratorio (per bambini e non solo) di energie rinnovabili con materiale riciclato, a cura  dell’Associazione “Comunità Energetica”.

Qui il programma completo

View original post

MONASTERI DEL TERZO MILLENNIO

monasteriLaurea in lettere, esperto di risparmio energetico, si occupa di economia ecologica e tecnologie ambientali. Insegnante e preside, Maurizio Pallante soprattutto è il fondatore del Movimento per la Decrescita Felice da lui fondato nel 2007: «un’associazione nata sui temi della demitizzazione dello sviluppo fine a se stesso […] e che parte dal presupposto che la correlazione tra crescita economica e benessere non sia necessariamente positiva, ma che esistano situazioni frequenti in cui a un aumento del Prodotto interno lordo (Pil) si riscontra una diminuzione della qualità della vita». Saggista, creatore e curatore del sito decrescitafelice.it, Pallante ha da poco dato alle stampe il suo ultimo lavoro: Monasteri del terzo millennio, uscito qualche settimana fa per le Edizioni Lindau. Un titolo che potrebbe forse trarre in inganno, Monasteri del terzo millennio non è una guida ai più moderni luoghi di culto, ma una lucidissima analisi della deriva economica, sociale e culturale che ci ha traghettato verso la famosa Crisi che dal 2008 ci tiene tutti in ostaggio. Tranquilli, non vi troverete per le mani una narrazione che annuncia con toni cupi la fine del nostro mondo. La disamina di Pallante non si esaurisce nella critica, né si dilunga in malinconiche o chimeriche speranze, ma si apre alla proposta, e soprattutto all’esempio di modelli possibili che già abitano il nostro quotidiano.

Vai all’articolo    (di Michela Marchi su slowfood.it)

APPROVATO IL PIANO DELLA MOBILITÀ CICLISTICA PROVINCIALE

Obiettivo: una rete di piste ciclabili per la mobilità quotidiana e per il turismo

piste_ciclabilil

La Provincia di Bologna si dota di un “Piano della Mobilità Ciclistica Provinciale” (PMC) per il territorio bolognese, puntando sulle potenzialità già presenti e prendendo spunto dalle realtà più avanzate su questo tema. I documenti preliminari del Piano sono stati approvati dalla Giunta il 4 febbraio scorso.
L’iniziativa nasce per rispondere alla sempre più crescente domanda di mobilità ciclistica, e per concorrere a raggiungere i più ampi obiettivi di sostenibilità ambientale ed economica.

Obiettivo del PMC, che si configura come variante al Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale (PTCP), è quello di pianificare le direttrici principali e una maglia diffusa, ma selezionata, di itinerari e piste ciclabili, per creare un sistema a rete di mobilità equilibrato e completo, dove la bicicletta possa essere una concreta alternativa sia per chi quotidianamente si reca al lavoro sia per chi si muove per vacanza o nel tempo libero.
I rilievi mostrano che attualmente nel territorio provinciale esistono 680 Km di percorsi ciclabili (di cui 535 in provincia e 145 nel comune di Bologna) mentre ne sono stati pianificati/progettati dalle Amministrazioni comunali oltre 1.500Km. Dei percorsi già realizzati il 42% è collocato su strade comunali, il 24% lungo argini dei fiumi ed il 12% su strade provinciali. Il 54% è costituito da percorsi pedonali/ciclabili promiscui, il 23% da piste ciclabili in sede propria a fini turistici, il 7% da piste ciclabili in corsia riservata.

Continua a leggere